Comprare un vestito per una festa, una ricorrenza o un’occasione particolare è sempre un piacere; anche quando vorremmo che non fosse così.

Io che da un po’ combatto contro quell’inutile dispendio di energie di mulino a vento che è il cosiddetto shopping terapeutico, non so resistere alla tentazione di comprare una maglia, un paio di pantaloni o di scarpe all’occorrenza di una festa anche insignificante come un onomastico. È un piccolo guilty pleasure con cui esorcizzo la paura di rimanere fermo negli stessi abiti e quindi nelle stesse abitudini.

Proprio come un’ottima usanza diventa un’abitudine in ragione delle conseguenze favorevoli che porta con sé, cambiare d’abito a qualunque cosa sia vecchia o comunque assodata non è mai una cattiva idea. Come diceva un adagio

chi si ferma è perduto

ma credo che si sia anche dato il caso che chi si sia fermato abbia fatto anche la muffa.

Una valanga di ricordi personali come un diario, un libro o più in generale un’opera di ingegno deve avere una forza tutta particolare per cui quando viene rivisitata non perda le stesse caratteristiche aromatiche che aveva al tempo in cui è stato composto.habit

È il tempo stesso a dirci cosa va buttato, cosa bisogna rivedere, cosa si può fare di meglio e cosa bisogna rifare da capo. E anche questa del cambio d’abito è una passeggiata a ritroso che continua ad avere efficacia se la passione all’origine del movimento rimane immutata.

Cambiare d’abito al proprio blog è ciò che permette a chi legge, anche noi stessi, di dire: “oh, sono vivo”. Sfruttiamo il momento per imparare a cambiare in modo adeguato, ossia in base alle nostre esigenze. Un nuovo colore, un nuovo font di lettura è il modo migliore per ricominciare da capo, tenendo a mente che il passato rende perfetto quello che ancora non sappiamo.

Una nuova veste grafica di questo blog è dovuta alla mia ossessione attuale per tutto ciò che è associabile alla tonalità di azzurro. Non attirerà molto traffico, ma è così tranquillizzante al mio occhio che potrei passarci quarti d’ora interi, modestia a parte.

Blogging

Blogging 201 ~ giorno 3: in cui si tira fuori il vestito della festa

con la forza di sciacquare le abitudini

Immagine