Diario

La mancanza nella musica

Mi sembra di tornare ad ascoltare un pezzo della mia rinascita grazie a questo concerto per pianoforte di Prokofiev. Anzi, mi sembra di tornare ad ascoltare il suono della scorsa estate, quando vivevo con un’aria da gigante poiché viaggiavo attraverso la provincia viterbese e in questi viaggi sentivo di essere pieno di qualche sentimento in più. Dieci giorni fa sono tornato in quei luoghi, e mi ha addolorato non poco proseguire verso un’altra meta invece che prendere la familiare svolta a destra. Gli stati emotivi attraverso cui sono passato in questi dodici mesi sono stati talmente uniformi pur nella loro univocità che hanno potuto far riaffiorare il raro ricordo di due mesi passati nella leggerezza di un’intimità. Mi manca quella persona? Sì, perché non gli dissi addio; c’è una crepa gigante in quella stanza laddove avevo costruito lo spazio per l’orchestra che come bis mi concesse proprio il secondo concerto per pianoforte di Prokofiev. Di quelle dissonanze titaniche rimane solo una frattura, un silenzioso vuoto che si riempie di polvere. Sono io quella crepa, il terremoto che ruppe i muri portanti di quell’edificio musicale fu proprio lo stato di quelle sensazioni scorse. Dovevamo anche comprare due biglietti per il Festival di musica antica di Urbino, ma poi ci ripensai, per qualche motivo monetario di poca volontà. Mi sorprendo a scoprire che la Volontà spinge e si ritrae con meno forza di quanta ne impiega l’Ego nel sedere dentro il proprio faro, che scruta in lontananza il mare ma non viene scalfito dalla salinità. L’anno scorso, nel conflitto tra Ego e Ymeis, vinse proprio l’asciutta sicurezza del singolare.

Standard

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...