Lettura

La fiera della vanità: un romanzo e una storia

Un mese è un tempo relativamente lungo per terminare la lettura di un romanzo come La fiera della vanità, ma si tratta di un arco ben speso, perché nelle pause tra un capitolo e l’altro si può osservare come la storia di questi personaggi sia un continuo che parte dagli albori della civiltà capitalistica e continui placidamente fino ai giorni nostri. Il denaro dirime vita, morte e miracoli di ogni essere umano, e la morale è che non c’è una morale quando si maneggia pecunia. Filosofi, economisti, luminari di ogni secolo studiano e traccheggiano intorno alla natura dello scambio, ma le storie che escono fuori dal maneggio di denari insegnano più che decine di trattati, saggi e discettazioni.


È una commedia meravigliosa quella che i risparmi di un parente anziano non più autosufficiente e senza prole mettono in piedi: essi infatti hanno l’attrattiva che il miele esercita sull’orso, per quegli eredi che compaiono agguerriti all’apertura del testamento.

Uno degli svaghi preferiti di Sidonia, pensionata logorroica che viveva sulla sommità di una collina che digradava verso la pianura dove sorgeva la grande città, era giocare tutti i giorni a carte e spendere quindi molti soldi. Prima di lei, il padre aveva fatto lo stesso, finché riuscì a uscire di casa. Zio Salustio, fratello di suo padre, non aveva figli, viveva nella grade città, e aveva un bel gruzzolo da parte, perciò un bel giorno Sidonia pensò bene di visitarlo e chiedergli dei soldi, poiché quel mese aveva già speso l’intera pensione e l’aveva persa giocando.

Lo zio la accolse di buon grado nel piccolo appartamento condominiale; passarono qualche ora insieme e alla fine lei si decise alla richiesta, evitando di digli che quei soldi le servivano per giocare, anziché per motivi più gravi. Salutata la zia Dora, cui voleva tanto bene quanto affetto poteva concepire per una parente che non aveva mai degnato di attenzione se non quando impegnata alla toeletta, la zia bussava perché ne aveva bisogno anche lei; quindi sparì e dopo aver restituito la somma non si fece vedere né sentire per anni. La sua faccia fu presto avvighiata nell’oblio.

Una volta la zia cadde, si ruppe il bacino e rimase all’ospedale per molto tempo, per non parlare della riabilitazione e della fisioterapia, che durarono mesi e mesi. Sidonia non si fece vedere né sentire. Qualche anno dopo arrivò il turno di zio Salustio di finire in corsia: aveva talmente tanto trascurato la propria salute che non riusciva più neanche a respirare, oltre al fatto che poco mancò che altri organi vitali andassero in malora irreversibilmente. I due zii non avevano figli, ma una loro pronipote al nome di Cassandra, che era vissuta con loro durante l’università e anche in seguito si era trasferita per qualche tempo nell’appartamento al piano di sopra, si occupava di loro: li visitava, li accudiva con piccoli gesti di amorevole rispetto e compassione come aveva fatto coi nonni, e lo zio gli si affidava nella gestione dell’economia domestica, cosa di cui la moglie non si era mai occupata, quando lui non era impegnato a trascorrere le giornate nel bar sotto casa; Cassandra aveva infatti quel talento per la gestione oculata delle risorse e una rigorosa disciplina attenta al minimo dettaglio che tanto piaceva allo zio ultraottantenne.

Una fredda sera di novembre Mercede, la solerte e affettuosa badante, chiamò con voce angosciata Callisto, Cassiopea e Cordelia, cioè la famiglia di Cassandra e pronipoti di Salustio, poiché aveva avuto dallo zio, sempre intestardito a non voler far sapere i nipoti del suo stato di salute, il lasciapassare per avvertire i parenti che più si interessavano alla sorte sua e della moglie che allo zio servivano urgentemente cure mediche. Negli ultimi mesi, raccontò Mercede, Salustio neanche poteva più uscire di casa. Una volta assicuratosi un posto al più vicino ospedale, i dottori dissero che il paziente aveva una congestione ai polmoni, i reni quasi bloccati e il cuore, suo punto debole, ingrossato a livello critico; in conseguenza di ciò naturalmente non riusciva più a muoversi. Nelle condizioni in cui era arrivato al pronto soccorso, era piuttosto era un miracolo che fosse ancora vivo. Due settimane in terapia intensiva, due in subintensiva, e altre due in corsia di riabilitazione durò la permanenza di Salustio via da casa.

Egli mentre lo portavano via con l’ambulanza, ebbe l’accortezza di chiedere a Cassandra che non avvertisse la sorella e gli altri nipoti tra cui Sidonia, sempre per quell’abitudine fanatica di vergognarsi dei colpi avversi alla salute del corpo. Cassiopea invece, di uno spirito tutt’altro che riservato, e anzi forse anche troppo espansivo, aveva avvertito per tempo Sulpicia, sorella dello zio e zia di lei a sua volta, insieme a tutti gli altri nipoti, tra cui anche Sidonia, del fatto che Salustio era in gravi condizioni ricoverato all’ospedale San Giuliano.

Nel frattempo l’assistente sociale, viscida giovinetta borgatara appartenente a una losca cooperativa mandata dal municipio e che aveva il compito di accudire la zia non più autosufficiente, maltrattava la badante e sficcanasava nei cassetti, negli armadi e in tutti i recessi della casa alla ricerca di valori da intascare.

Per tutto il tempo in cui Salustio rimase all’ospedale Calisto, Cassiopea e Cordelia visitarono la zia e si occuparono di sbrigare le pratiche e le commissioni che si presentavano all’occorrenza. Cassandra era partita per l’Africa per motivi più che gioiosi, per cui non poteva occuparsene come aveva fatto finora, per cui aveva affidato ai tre il disbrigo della burocrazia. Sidonia, che mai aveva telefonato a Cassiopea, iniziò a chiamare a ogni ora del giorno e della sera per sapere di più dello zio, cioè per sapere di più della situazione finanaziaria in cui egli versava. Ora che lo zio non era più autosufficiente avrebbe potuto prenderlo con sé e disporre delle sue cose, se solo quell’arrogante di Cassiopea l’avesse messa a parte degli assetti monetari dello zio.

A questo punto il narratore deve lasciare la fantasia del lettore correre libera di immaginare il finale che crede più verosimile; o in alternativa può attendere che Salustio venga dimesso dall’ospedale per sapere quale sorte gli sia toccata, insieme alla sorte della sua povera consorte, tranquillamente adagiata su un divano per la maggior parte della giornata di fronte a una televisione sempre accesa.

Annunci
Standard

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...