Il ricco e il povero

Prima della guerra c’era un uomo ricco che andava sempre a messa e uno povero che non ci andava mai. Capitò che in un giorno di festa comandata l’uomo ricco si recò alla funzione e entrando in chiesa si accorse che nel banco in cui sedeva di solito c’era il povero. Costui era molto snob, perciò il vestire semplice dell’altro lo mettevano a disagio, ma essendo un giorno di festa solenne strinse i denti e gli sedette vicino. Mentre si svolgeva la cerimonia l’uomo ricco ripeté più volte a bassa voce all’uomo povero “va’ via, va’ via!”. Questi, confuso, iniziò a ripetere sommessamente “va’ via, va’ via” come una preghiera.


Daily Prompt

Lotto marzo

I rametti di mimosa strappati dai rami e messi in bustine di plastica argentate sono l’opposto di ciò che l’otto marzo rappresenta.

Se davvero fosse chiaro a tutti ciò che viene celebrato l’otto marzo, i piccoli pallini gialli e profumati di mimosa fiorirebbero indisturbati sui rami invece che appassiti in bustine di plastica.

Nostra la notte

Nostra la notte da sopportare
Nostro il mattino,
Nostra la mancanza di felicità da riempire,
Nostra la mancanza di sdegno.

Qui una stella, là una stella,
Alcuni perdono la via.
Qui una foschia, là una foschia,
Poi – il giorno!


Our share of night to bear – E. D.

Rosso e nero

Anima mia, ti riscuoterai mai?
Di casi come codesto
Centinaia hanno perso, certo,
Ma decine hanno vinto tutto.

Il voto mozzafiato degli angeli
indugia sulla tua testimonianza;
I folletti in zelante conciliabolo
tirano a sorte per la mia anima.


Rouge et noir