Musica

Retrospettiva 2017

 

Che il 2017 sia stato un anno orribile l’ho più e più volte ripetuto. E infatti l’orrore si ritrova perfino nella playlist personalizzata dei brani più ascoltati di Spotify, il cui contatore di riproduzioni non tiene conto di altri e ben più significativi ascolti includendone altri di cui onestamente neanche ricordavo l’esistenza e altri brani ancora che vorrei poter cancellare di tutto cuore. Il problema è che ormai s’identifica la preferenza con l’ammasso della quantità. Può benissimo darsi che la maggior parte dei brani assemblati nella playlist li abbia lasciati scorrere come sottofondo invece che aver loro dedicato un’attento ascolto. E infatti così è per la maggior parte dei brani, sebbene si tratti (nella maggior parte dei casi) di musica che mi concedo volentieri, e non solo a partire da quest’anno.

Indi, bisogna che integri la disopra con un’altra playlist eponima dell’anno in chiusura, presa stavolta da Youtube – playlist su cui ho esercitato un controllo considerevolmente maggiore avendo personalmente con cura e diligenza aggiunto man mano i video più significativi, e che perciò prediligo:

Per ulteriori info su musica che mi ha toccato in particolare, c’è poi l’etichetta Meloday che racconta meglio di qualsiasi miserevole contatore di riproduzioni il mio percorso musicale di quest’anno [ma devo ri-raccontare quest’etichetta anche a me stesso, avendo perso la memoria].

Buone feste, e che l’anno prossimo… ma non stiamo a prenderci in giro.

Annunci
Standard
Musica

Melodì: Chopin #3

 

Ogni nome di ognuno di questi Studi mi sussurra qualcosa all’orecchio, anzi, meglio, mi trasporta in uno di quei cosiddetti paesaggi sonori, la cui sensazione è difficile da descrivere perché ufficialmente le parole si possono associare alla musica solo dopo minuziosa e ordinatissima riflessione. Ma per quanto mi riguarda, al momento non mi interessa imbastire un discorso sistematico metrico o armonico; vorrei piuttosto regolarmi come un bambino che per la prima volta si trova di fronte a questi brani. Che cosa sente il me settenne quando la Cascata ha appena il tempo di aprire che già arriva l’anonimo in Fa minore ricoprendo di mistero la scena clou di un thriller, o quello in La bemolle che sente a suo agio come apertura di un ballo ottocentesco di fidanzamento tra due principi?

Ebbene lo confesso, sarò romantico in più di un senso, ma al mio orecchio – anzi alla mia impressione – questo rappresentano gli Studi di Chopin: hanno un andamento melodico idiomatico; e nel loro idioma è così vagamente simbolio che raccontano l’ascoltatore e quello che si agita dentro il suo mondo immaginario e inesauribile accogliendo le suggestioni più improbabili – proprio come io ho appena immaginato un periodo storico in cui due uomini nobili avrebbero potuto sposarsi. Ogni Studio può essere perciò una favola che non abbiamo mai avuto il coraggio di raccontarci.

Per le precedenti puntate su Chopin:
Standard
Musica

Meloday: Hashish

nella prossima reincarnazione voglio essere un barbone ottocentesco strafatto di droghe. mi hai sentito universo?

Standard
Musica

Melodì: Schumann

Non avrei mai pensato di poter affidare di nuovo la mia anima a un compositore così romantico a quest’altezza della mia vita; eppure è successo.

Le armonie messe in piedi da questo musicista lontano sono tutto ciò di cui ho bisogno, con tutta la sehnsucht ottocentesca di cui sono capace. Se potessi credere nella reincarnazione, questa fu l’epoca in cui vissi la mia vita precedente. Ma in fondo è così quando capita che perdi la salute e sei sull’orlo del baratro: è come una resurrezione senza morte. Avvicinarsi al Nulla e poi discostarsene grazie alla scienza medica (di chi la esercita in modo corretto) è un viaggio ai confini della vita, e al ritorno l’anima è come nuova, lavata di fresco, e richiede di circondarsi delle sole Verità Eterne di cui ha bisogno.

Standard
Diario, Musica

Melodì: stanchezza

 

Ho trovato un brano che non mi stanca il cervello, e anzi nei suoni mi sembra di diventare la melodia stessa. Non so quello che scrivo, sono molto avanzato in stanchezza e già scrivere queste due righe per spiegarmi è uno sforzo immenso. Già, mi trovo nel periodo brutto dell’attività vulcanica interna, che quando erutta ricopre di lava bollente tutto ciò che c’è di vivo intorno. Ebbene, sono solo grato a Ravel di aver scritto questo pezzo e agli esecutori di averlo registrato; esso ha alleviato un po’ della malinconia che la malattia in questi giorni mi ha stretto addosso.

Standard